Viaggiare

sognando

 
 
   




Offerta del Mese
 
 
TREKKING
Torna alla lista Tour
UGANDA - SCALATA DEL RWENZORI 5109 mt - (cod.)
TREKKING  IN UGANDA SUL MAESTOSO ‘’RWENZORI’’ 5109 mt slm
Bruno Alegi G.M. TODRA Tour Operator  l’ha scalato per voi ed i vostri Clienti a maggio 2023 !
 
Fare Trekking  nel mitico Parco Nazionale dei Monti Rwenzori in Uganda, è un'esperienza davvero fantastica e unica, la meraviglia degli alti ghiacciai, la bellezza della valle dei nove laghi, il lichene barbuto appeso a gigantesche eriche con uno sfondo di scogliere rocciose, falesie e cime innevate. La grande varietà di flora e fauna con diverse biosfere mentre si sale attraverso diverse zone di vegetazione crea l'esperienza definitiva per il trekking. Mai prima d'ora è stato disponibile questo trekking unico e bellissimo, totalmente incontaminato e senza dubbio uno dei trekking più belli del mondo.
 
Margherita Peak La terza vetta più alta dell'Africa tuttavia la vera bellezza è nella salita sulla via Kilembe, le foreste e le valli la flora è varia con alberi e valli di felci. Gli alberi sono vivi con molte specie di uccelli e primati e mentre cammini lungo il sentiero vedrai nidi di scimpanzé in alto tra gli alberi ad alto fusto, se sei fortunato potresti intravedere lo scimpanzé residente mentre scappano. Scalare il Magherita Peak è più una dura scalata che una salita, tranne che per alcune mosse difficili e quando nevica è più difficile, tuttavia le ricompense e l'euforia di raggiungere la cima sono enormi mentre guardi attraverso Albert Peak fino alla RDC (Congo) e poi a est attraverso gli spettri delle montagne del Rwenzori.

Primo giorno

Inizio del  Trekking a 1.450 metri, con pernottamento a Sine Hut a 2.596 metri con un dislivello di 1.146 metri, oppure coloro che sono in forma e vogliono procedere a Kalalama Camp a 3.134 metri possono farlo e, a parte le fantastiche viste, ti dà più tempo al Mutinda Camp dove puoi salire fino a Mutinda Lookout a 3.975 metri.
Iniziamo risalendo il fondovalle attraverso alti alberi della foresta della zona forestale afro montana. Questa è una salita costante con moltitudini di uccelli e la possibilità di vedere le scimmie blu scorrazzare attraverso la foresta. A volte i visitatori possono vedere gruppi di 15-20 scimmie Colobus bianche e nere mentre oscillano tra le cime degli alberi. Ci sono rari avvistamenti della scimmia L'Hoest che fanno parte degli emblemi culturali di Bukonzo e sono protetti dalla virtù del re o Omusinga o si può sentire scimpanzé selvatici in lontananza. C'è una grande varietà di specie vegetali dagli alberi della foresta ai boschetti di bambù, arbusti bassi, fiori, funghi e con molte viti coperte di muschio e licheni appese agli alberi ad alto fusto che creano un fascino impressionante. Le cascate di Enock si trovano a soli 200 metri da Sine Hut e offrono una splendida opportunità per catturare un ottimo screensaver per i tuoi ricordi.
A Sine Camp 2.596 metri abbiamo capanne di legno incastonate tra alti alberi della foresta su una stretta cresta dove ci si può sedere e godersi la bellezza della foresta afro montana mentre si guarda giù verso una fantastica cascata che si infrange sulle rocce molto più in basso. Alcuni clienti preferiscono sedersi fuori godendosi il calore del fuoco e chiacchierare con le guide sulle montagne e sulla vita nella loro comunità. Sine è appena sotto la zona di bambù e l'area intorno ha molte specie di uccelli diversi. A 150 metri dal campo si trova Enock falls che si trova in una vegetazione verde livida e vite appesa, veramente bella. Pernottamento  a Sine,

Secondo giorno
Il trekking inizia alle 8.30 del mattino e quasi immediatamente si entra nella zona di bambù-Mimulopsis che è una ripida salita con molti gradini alti. Nella stagione delle piogge la zona di bambù è piuttosto fangosa e scivolosa rendendo il viaggio lento. Tuttavia l'atmosfera e la foresta sono bellissime mentre sali a 551 metri di altitudine e una distanza di 1,8 km dal campo di Kalalama a 3.147 metri che si trova nella zona di Heather-Rapanea dove puoi riposarti e bere una tazza di tè o caffè veloce prima di dirigerti verso il campo di Mutinda. Il sentiero si snoda su e sopra diverse piccole collinette lungo una cima di cresta, poi scende lungo il fianco della valle prima di salire di nuovo, e così facendo attraversa diversi piccoli ruscelli e passa vicino a cascate coperte di muschio. Si sale poi costantemente lungo il fianco di un bellissimo fiume muschioso che precipita sulle rocce sotto gli alberi di erica gigante i cui tronchi sono coperti di muschio verde con barbe di vecchio (lichene Usnea) appese ai rami. Il sentiero si snoda mentre si sale sulla profonda valle, che ha un'enorme varietà di piante e fiori. Questa valle è unica con molti alberi di erica gigante che creano una bella atmosfera spesso avvolta nella nebbia.
Nel pomeriggio potresti voler salire fino alla cima del Mutinda Lookout (una o due ore su e un'ora giù) I panorami sono incredibili mentre ti trovi su rocce coperte di muschio a 3.925 metri con vista sulle montagne del Rwenzori e giù fino alla città di Kasese e al lago George. Per quei clienti che stanno scalando a Margherita o una delle vette principali scalare Mutinda 3.975 metri è anche un ottimo modo per acclimatarsi e ridurre il rischio di mal d'alta quota
Pernottamento al Mutinda Camp a 3.582 metri

Terzo giorno
Il sentiero per Bugata Camp è paludoso soprattutto nella stagione delle piogge, ma con un po 'di abilità puoi passare da tussock a tussock per rendere il viaggio più facile. Per prima cosa si attraversa la valle di Mutinda attraverso l'erba tussock e i fiori eterni intervallati da molti lobelie giganti prima di salire una ripida sezione fino alla valle di Namusangi (3.840 metri), con cascate a strapiombo e guardando indietro si ottiene una fantastica vista sulle cime di Mutinda. La valle di Namusangi è ampia, con molti saliscendi mentre il sentiero sale costantemente al Bugata Camp a 4.100 metri.  Pernottamento.

Quarto giorno
Trekking al campo di Hunwick attraverso il Passo Bamwanjarra. Uscendo dal Bugata Camp si sale una cresta e poi si scende leggermente prima di salire al Passo Bamwanjarra a 4.450 metri dove abbiamo una capanna se il tempo dovesse peggiorare. Dal passo in una giornata limpida si ottiene una vista eccellente delle tre cime principali. Il sentiero scende a valle e intorno al bordo di alcune torbiere e una fitta vegetazione sempre verde, muschio. groundsel gigante e lobelia. Qui è forse il posto migliore in tutto il Rwenzori per osservare l'uccello del sole malachite mentre si nutre dei numerosi fiori di lobelia e di un noto sito di riproduzione. Più avanti ci sono alcune sezioni ripide prima di una salita costante su e su una cresta fino a Hunwick's Camp che si trova sulla cima di una profonda valle e ha una buona vista sul Monte Stanley, sul Monte Baker, sul Weismanns Peak e sul McConnell's Prong.

Quinto giorno
Da Hunwick's passiamo giù e attraverso il fondovalle fino al lago Kitendara che è molto sorprendente con acque profonde e una bella vegetazione. Da qui si sale sul passo di Scott Elliott e poi si risale la cresta fino al Campo Margherita di 4.485 metri che si trova tra alcune enormi rocce e offre un po' di riparo dai forti venti. Questo è proprio il punto in cui il Duca degli Abruzzi si accampò quando fece la sua scalata a Margherita Peak nel 1906  a 5109 mt.

Sesto giorno
Sveglia alle 2 del mattino, colazione presto prima di partire per scalare il Monte Stanley alle 2:30. Questo è necessario in quanto il tempo è cambiato molto e spesso anche durante la stagione secca la montagna è chiusa con nuvole pesanti e nevicate quando le nuvole si alzano dalle estese foreste pluviali del Congo. Durante gennaio e febbraio, potrebbero esserci forti tempeste di neve, causando forti ritardi sulla tabella di marcia iniziale.
A causa di questo cambiamento del tempo, abbiamo fissato un rigoroso orario di rotazione alle 10 del mattino, quindi se non raggiungi il picco prima, devi tornare indietro indipendentemente dalla delusione nell'interesse della sicurezza. Anche il ghiacciaio Margherita ha sofferto del riscaldamento globale e man mano che i bordi esterni del ghiacciaio si ritirano, il ghiaccio sta diventando più ripido con una sezione di circa 200 metri di pendenza superiore al 60%. In combinazione con questo gran parte del nero si è sciolto sotto causando grotte sotto il ghiaccio e man mano che diventa più sottile alla fine le caverne. Quindi è necessario che i clienti capiscano e accettino consigli su dove le guide suggeriscono di passare.
Per quei clienti con meno esperienza alpinistica suggeriamo di rimanere sul ghiacciaio Stanley e salire fino a un buon punto panoramico su uno sperone roccioso sul bordo meridionale di Alexandra Peak per godere di una fantastica vista sul Congo e sulle creste montuose più basse
Dopo aver scalato la vetta a 5.109 metri, si passa direttamente al campo di Hunwick a 3.874 metri.

Settimo giorno
Distanza da Kiharo Camp 11km Tempo impiegato per camminare da 4 a 7 ore
Da Hunwick's Camp iniziamo la giornata salendo su una cresta verso McConnell's Prong dove si ottiene la migliore vista di tutte e tre le cime e Scott Elliott's Pass prima di raggiungere Oliver's Pass a 4.505 metri. La distanza da Hunwick's Camp alla cima di Olivers Pass è di 3 km Il sentiero attraversa poi il Weismann's Peak fino alla confluenza del fiume Nyamwamba che scorre lungo Kilembe e Kasese fino al lago George nel Queen Elisabeth National Park.
Se desideri scalare Weismanns Peak a 4.620 metri dal passo Olivers, puoi farlo con un costo aggiuntivo di $ 20 ciascuno. In una giornata limpida si ottiene una fantastica vista di Margherita e Mt Stanley, Mt Speke e Mt Baker.
Dopo aver attraversato la confluenza, il sentiero si snoda lungo la valle fino al campo di Kiharo che si trova in una valle profonda con alte scogliere e fitta vegetazione. Sulla strada che scende a valle dopo ogni palude si sale su una cresta di pietre e terra che sembra fuori posto, ma in realtà è stata spinta lì da ghiacciai che si muovono lentamente che alla fine hanno smesso di muoversi, si sono sciolti e hanno lasciato un mucchio di rocce e detriti di fronte a dove un tempo sorgeva il ghiacciaio.

Ottavo giorno
Distanza Kiharo Camp al cancello del parco 16 km e altri 2,8 km giù per Trekkers Hostel. Tempo di camminata:  da 5 a 8 ore, quindi coloro che hanno bisogno di collegarsi ai voli di ritorno a Kampala o viaggiare per altre attività devono lasciare Kiharo presto.
Il sentiero lungo la valle di Nyamwamba è per lo più in discesa e assolutamente mozzafiato con splendidi panorami, rocce coperte di muschio lungo il fiume, cascate a cascata, profonde valli e foreste sono forse le migliori delle montagne del Rwenzori. Questa parte del sentiero ci sono voluti sei anni per trovare un modo e un percorso che è abbastanza facile da usare per i turisti. Nel 1937 l'esploratore e geologo McConnell cercò di trovare un modo per risalire questa valle, ma fallì e dovette tornare indietro e cercare un altro percorso su per la montagna, ma ora puoi sperimentare questa valle davvero bella.
A pochi chilometri da Kiharo Camp il sentiero si spegne a destra per costeggiare il fiume. Nelle aree limpide si può intravedere un Duiker che si nutre tranquillamente in piccole radure mentre si passa lungo il fiume. Questa zona è probabilmente la più alta popolazione di Duikers Rossi del Rwenzori ovunque nel Parco Nazionale A pochi chilometri lungo il fiume diventa più ripido con moltitudini di splendide cascate. Dopo le cascate saliamo su e sopra un'alta cresta poi giù attraverso le fitte foreste con vista mozzafiato sulla valle sottostante. Ci fermiamo al Forest View Camp per il pranzo prima di tornare al campo base. Una grande esperienza e finale di un fantastico trekking.

QUOTAZIONI SU RICHIESTA

bruno.alegi@todra.com

INFORMAZIONI & RICHIESTE
bruno.alegi@todra.com - Tel 06486447

   

print
Torna alla lista Tour
 

TODRA Tour Operator by Avantage srl- Via Piemonte, 32 - 00187 Roma - Partita IVA 05189761009 Codice IATA 382 5718 - Copyright©TodraTourOperator
Cookie policy - Privacy